Stampa
Email

I fiori di Bach

Scritto da Katiuscia De Tommaso
Categoria: Fiori di Bach

800px-navadni potronikASCOLTA QUESTO ARTICOLO

Il medico inglese Edward Bach, vissuto in Inghilterra dal 1886 al 1936 dedicò la sua esistenza alla ricerca di rimedi semplici e naturali per la cura dell’uomo, rimedi che fossero attenti alla persona nella sua unicità. Spogliatosi delle sue conoscenze scientifiche e allontanatosi dalla medicina convenzionale decise di trasferirsi in campagna alla ricerca di rimedi naturali che aiutassero l’individuo a trovare un’armonia tra spirito e corpo. Alla base delle sue convinzioni vi è l’idea che gli stati d’animo negativi come la paura, la preoccupazione, la tristezza, la sfiducia, la rabbia siano la causa dei malesseri fisici dell’uomo e che dunque esiste una forte correlazione tra la sintomatologia della malattia e uno squilibrio a livello emozionale. Secondo Bach è il corpo ad inviare un segnale, attraverso i sintomi della malattia che qualcosa a livello interiore non sta funzionando. Certo di questa opinione si avvicinò al mondo naturale incentrando le sue ricerche su alcune tipologie di piante. Ben presto arrivò a scoprire gli effetti benefici di 38 piante, di cui ne divulgò le proprietà curative. na mattina di fine primavera del 1930, un anno dopo aver lasciato Londra ed una brillante carriera di medico per andare a vivere nella campagna del Galles alla ricerca di nuovi rimedi naturali per curare le malattie dell'umanità, il dottor Edward Bach passeggiando in un prato fece una scoperta che si sarebbe rivelata fondamentale per il suo lavoro e per la storia della medicina olistica. Si rese conto, infatti, che la rugiada mattutina, che si raccoglieva nelle corolle dei fiori di campo, in qualche modo riceveva e manteneva le particolari proprietà di guarigione della pianta stessa.    Ogni singolo fiore a detta di Bach conterrebbe l’energia in grado di agire sulle emozioni dell’individuo e di ripristinare l’armonia con il proprio corpo. La floriterapia di Bach infatti è basata sul principio secondo cui la cura di una persona deve partire innanzitutto dalla conoscenza dei problemi che si manifestano a livello psicologico, i quali secondo il medico gallese determinerebbero la sintomatologia della malattia. I primissimi fiori scoperti da Bach furono i cosiddetti "12 Guaritori", che il medico gallese iniziò prontamente a sperimentare prima su sé stesso e poi sui suoi pazienti; gli altri 26 vennero scoperti poco tempo dopo. Ogni rimedio è legato ad uno specifico stato emotivo. Essi riportano ad un’armonia interiore, consentono di passare da un emozione negativa ad una positiva, danno la forza di affrontare le sfide che la vita ci presenta ogni giorno in maniera più serena.   Le essenze di questi fiori vengono estratte attraverso il metodo tramandato da Bach. Alla base ci sono due metodi: quello del sole e quello della bollitura. Il primo metodo prevede necessariamente che si operi in una giornata soleggiata e calda, ovviamente nel periodo della fioritura della pianta interessata. Il fiore non deve essere intaccato in alcun modo, viene reciso e fatto cadere in una bacinella colma di acqua pura e lasciato a macerare per 5/6 ore al sole. Il secondo metodo prevede che i fiori si raccolgano con la stessa procedura del primo, ma vengono messi in una pentola di metallo porcellanato, all'incirca nella stessa quantità del primo metodo ma con un litro e mezzo di acqua. Lasciati bollire sul fornello a gas per circa 30 minuti, si lascerà raffreddare la tintura così ottenuta. L’acqua utilizzata gioca un ruolo molto importante in questo processo in quanto è essa che cattura l’energia contenuta nel fiore. La comprensione dell’azione che tali essenze hanno sulla nostra mente e sul nostro organismo implica che ci si avvicini al concetto per cui qualunque cosa vivente è intrisa di energia o forza vitale. Energia che non è palpabile o esperibile dai sensi, ma come l’aria che respiriamo è necessaria per la vita. Le essenze floreali aiutano a diventare consapevoli degli squilibri insiti nel proprio io e agendo sull’individuo trasmettono la loro energia, liberando l’individuo dal malessere che l’opprime. I fiori di Bach sono uno strumento semplice che chiunque può utilizzare in quanto non hanno alcun effetto collaterale. Essi agiscono su stati emotivi e aspetti della personalità permettendoci di vivere in armonia con noi stessi, di aumentare l’energia vitale e quella potenzialità di auto guarigione, che talvolta possono essere bloccate da stati mentali negativi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

london school banner 1

esperti

Newsletters della Salute

Registrati per ricevere tutti i nuovi articoli e le novità sui prodotti naturali

Login

Register

*
*
*
*
*
*

Fields marked with an asterisk (*) are required.